Botta e risposta tra Micaela Fanelli e Giuseppina Occhionero

Botta-e-risposta-al-veleno-tra-lon.-Occhionero-e-la-consigliera-Fanelli-780x4

di redazione

di Giuseppina Occhionero
“Ci sono scelte sulle quali non possono esserci fraintendimenti e ambiguità. E una di queste è l’appartenenza politica. Chi riesce con una certa indifferenza, ma anche con una buona dose di spregiudicatezza, a passare da uno schieramento all’altro o, ed è questo il caso, a tenere un piede in due scarpe dovrebbe chiedere scusa ai propri elettori e fare un passo indietro.
Nel rispetto delle competenze di amministratore, peraltro ampiamente dimostrate nel suo operato di sindaco di Riccia, rilevo uno stridente contrasto politico tra il mandato da consigliera regionale del Pd e quelli di assessore esterno di una giunta di centrodestra in un comune laziale.
Temo che la mancanza di chiarezza nelle scelte e una commistione politica con il centrodestra siano tra le principali cause dello sfaldamento del centrosinistra, del quale Leu è uno degli effetti. Ed è, forse, il segnale di un accordo organico con Forza Italia!
Mi auguro, e lavorerò per questo, che la sinistra e il maggiore partito che si candida a rappresentarla ritrovino una rotta comune basata sui valori che ci hanno unito per decenni: la solidarietà verso i più deboli, l’uguaglianza, la libertà di pensiero e la coerenza politica.
Spero, per il futuro, che la sinistra e i cittadini che credono nei valori fondanti della democrazia tornino a camminare insieme e a parlare lo stesso linguaggio”.

di Micaela Fanelli
“Mancavano all’appello le lezioni di sinistra di chi non si è mai vista militare in un partito e lavorare sul territorio. Né tanto meno affrontare il problema di una scuola che chiude, di una casa che crolla o della programmazione per creare occupazione nel nucleo di Termoli o nelle nostre aree interne.
L’onorevole Occhionero di cosa sta parlando? Senza alcuna fatica politica si ritrova in Parlamento. Né prima, né dopo si è mai vista nei partiti di sinistra cui parla, nei quali, piaccia o non piaccia, c’è gente che ha lavorato ogni giorno negli ultimi anni, e per questo è stata eletta con consensi ben superiori al suo gratta&vinci.
Sa dell’incredibile l’uscita della “onorevole per caso”, che finalmente ritrova la voce, ma non per occuparsi del Governo nazionale…che invece non si occupa della sua e della nostra regione. Magari sollecitando lo stato di emergenza per il terremoto nel “suo” basso Molise”, dello smarrito Commissario alla Sanità, della Zona Economica speciale, della sicurezza sismica delle nostre scuole.
Nulla di tutto questo, perché per l’on.Occhionero il primo problema dell’Italia e della sinistra è il Comune di Pontecorvo!
Quando vuole, può venire a verificare come a Pontecorvo non ci sia nessuna lista di Forza Italia, nessuna strana sperimentazione politica, ma un’amministrazione civica, come spesso accade in migliaia di altri piccoli e medi Comuni, dove sono rappresentate più appartenenze partitiche. Perché quello che conta per un amministratore – per di più a costo zero – è fare ed essere giudicato dai risultati, non certo e non solo dalla tessera che ha deciso di prendere.
Un suggerimento alla giovane amica. Stia più attenta ai consigli dei livorosi soffiatori negli orecchi, che hanno sempre seminato discordia e non l’aiutano nel suo delicato ed importante impegno nazionale al servizio del Molise. E più che a rilanciare fakenews, che non fa onore al suo ruolo di parlamentare, badi di più alla sua terra, ai suoi amministratori, ai bisogni della sua gente.
La vera sinistra si pratica, non si insegna per caso”.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password