La polemica sulla Donzella/Se nel 2019 sarà Greta Ferro, nel 2020 la sceglierà Patrizia Mirigliano

testata sblog tabassoQuest’anno la trisecolare sfilata dei Misteri è solennizzata da una uscita bis degli Ingegni di Di Zinno e relativa “donzella bis” sul sesto dei tredici Misteri, quello di Sant’Antonio Abate, tra i più ammirati grazie appunto alla “graziosa donzella, angelo e demone che si vezzeggia allo specchio”. In giugno la incarnava una campobassana di origini egiziane, Sarah Khalaf, mentre per l’uscita bis del 2 dicembre la scelta è caduta su una romana, Chiara Rossi, figlia di altomolisani. La sostituzione ha rinfocolato polemiche, perfino politiche, sull’identità delle due prescelte e Rosa Socci, accanita custode della campobassanità, sostiene che i tratti somatici della Donzella sono quelli di una “Sant’Antunara” rappresentata meglio dalla mora Sarah che dalla bionda Chiara. E allora – si chiede – perché non puntare su Greta Ferro, splendida campobassana ormai lanciata nello star system mondiale? E’ una proposta perfetta per dare uno slancio a un evento dai connotati fatalmente turistico-commerciali combinando un fantastico matrimonio tra una campobassanità di quartiere e una di metropoli. Insomma un felice compromesso tra mondanità e tradizione. C’è però un problema. Di certo la salita della Ferro sul sesto Mistero obnubila ulteriormente gli altri dodici, ma questo già avviene: quello che invece conta è che con la lanciatissima Greta si aprirebbe definitivamente una strada obbligata, del resto già intrapresa, verso una strategia seriale di marketing dell’evento tipo Miss Italia. Come dire che dall’anno prossimo in poi toccherà affidare a Patrizia Mirigliani l’elezione di una Miss Donzella. Con buona pace dei “Sant’Antunari”.

Giuseppe Tabasso178 Posts

(Campobasso 1926) ha un nipotino, due figli e una moglie bojanese, sempre la stessa dal 1955. Da pianista dilettante formò una band con Fred Bongusto. A suo padre Lino, musicista, è dedicata una strada di Campobasso. Laureato in lingua e letteratura inglese, è giornalista professionista dal 1954. Nel 2018 è passato dall’Ordine dei Giornalisti del Lazio a quello del Molise per terminare la carriera dove l’ha iniziata. Ha lavorato in vari quotidiani e periodici (Paese sera, Corriere lombardo, Ore 12, L’Europeo, Annabella, Gente, Radiocorriere). Inviato di politica estera per il GR3 della RAI, ha lavorato a Strasburgo come redattore parlamentare, a New York presso la Rai Corporation, nelle sezioni italiane della BBC a Londra e della Deutschland Funk a Colonia. Pubblicazioni: Il settimanale con Nello Ajello (Ediz. Accademia, Roma 1978); Facciamo un giornale (Edizioni Tuttoscuola, Roma 2001); Il Molise, che farne? (Ed. Cultura & Sport, Campobasso 1996); Post Scriptum, Prediche di un molisano inutile (Bene Comune Edizioni 2006), Gaetano Scardocchia, La vita e gli scritti di un grande giornalista (2008), Moliseskine (Bene Comune Edizioni, 2016). Per le stesse Edizioni è in corso di pubblicazione Fare un giornale, diventare giornalisti, Manuale di giornalismo per studenti, insegnanti e apprendisti comunicatori.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password