Sona bella viva a Campobasso

di Francesco Montano

Il Duo si propone di far rivivere atmosfere sonore innovative attraverso l’utilizzo di strumenti musicali sia classici che tradizionali calabresi. Il repertorio proposto tratto dalle radici della tradizione popolare calabrese rivisita in maniera originale e innovativa storie e usi dei tempi antichi.

Federica Santoro – lira calabrese e voce Nome d’arte Fedelira, nata a Soveria Mannelli (CZ) nel 1994. A 9 anni intraprende lo studio del pianoforte e a 15 quello del violoncello e ne continua gli studi dapprima presso il conservatorio di Vibo Valentia e attualmente presso il conservatorio “L. Perosi” di Campobasso. Nel corso degli anni si appassiona alla musica popolare calabrese partecipando a numerose manifestazioni nazionali e internazionali con il Gruppo “I Nuovi Zampognari”.

A 11 anni, impara a suonare con il M° Antonio Critelli, la Lira Calabrese e dal 2005 collabora con rinomati gruppi del territorio calabrese e non e con musicisti di fama tra cui: L’Orchestra Popolare Italiana di A. Sparagna, l’orchestra Popolare Calabrese di D. Gatto, E. Bennato, P. Pelù, Simone Cristicchi, Teo Ciavarella, L. Lai, Iskra Menarini, R. Vecchioni, G. Sollima e i 100 Cellos, D. Sepe e Slivovitz, M. Incudine, F. Loccisano, L. Cinque e Hypertext Orchestra con F. Mesolella, P. Magoni, P. Fariselli. Suona e collabora in vari lavori discografici tra cui “L’armonia sperduta” di Roberto De Simone e Raffaello Converso.

Ha tenuto master e seminari con lo scopo di tramandare un nuovo modo di concepire un antico strumento e, un nuovo modo di suonare, fuori dagli schemi tradizionali. Nel 2015, Federica, compone “KayAce”, suo primo singolo.

Simonetta Santoro – chitarra battente e voce Nata a Soveria Mannelli nel 1994 (come la gemella d’altronde). All’età di 8 anni inizia lo studio del pianoforte sotto la guida del M° G. Rizzo e nel 2007 viene ammessa a frequentare il Conservatorio “F. Torrefranca” di Vibo Valentia. Nel corso degli anni si appassiona alla musica popolare calabrese partecipando a numerose manifestazioni nazionali e internazionali con il Gruppo “I Nuovi Zampognari”.

Nel 2010 si iscrive e frequenta il Conservatorio di Musica Popolare “A. Procopio” di Isca sullo Jonio (CZ) dove studia chitarra battente con il maestro Sergio Schiavone. La passione per la musica Popolare la induce a realizzare con la sorella, Federica Santoro, suonatrice di Lira Calabrese, un videoclip dal titolo “A Metere”, un progetto che ha visto la collaborazione del compositore Rosario Raffaele; con questo brano si aggiudica grandi consensi di critica e nel 2012 la vittoria, partecipando al concorso “Promuovi la tua band” indetto da OndaCalabra di Catanzaro.

La sua bravura con la chitarra battente e il tamburello viene presto notata ed apprezzata da diversi gruppi di musica popolare. Nel corso degli studi universitari ha tenuto delle lezioni nel Corso di Cultura e tradizioni della Calabria e per il Laboratorio “Gli strumenti, i generi e le tecniche della musica tradizionale calabrese”. Dal 2018 è membro del gruppo “Fortunato Stillittano – Valentina Donato – Progetto Tarantella” in qualità di suonatrice di chitarra battente.

Per informazioni sugli eventi organizzati dall’Associazione Amici della Musica Walter De Angelis scrivere a info@amicidellamusicacb.it | amicidellamusicacb@libero.it o consultare il sito dell’Associazione www.amicidellamusicacb.it (per me: collegare con il sito dell’Associazione) o la pagina Facebook.

Francesco Montano59 Posts

Nato a Campobasso nel 1984, laurea in Antropologia Culturale alla Sapienza. Collaboratore dal 2015 presso la rivista: Il Bene Comune arte cultura e civiltà per il terzo millennio. Mensile di approfondimento culturale e casa editrice. Ricerche a Lima, Roma e Campobasso. Pubblicazione relativa alla ricerca a Roma per la prevenzione e lo studio dei fenomeni di aggressività e bullismo: “la visione dei mondi nell’infanzia: rappresentazioni sociali bambine correlate alla costruzione della salute”; dal titolo: Narrazioni dall’infanzia su salute, corpo e amicizia. Ricerche etnografiche in tre scuole romane. Progetto realizzato grazie al contributo economico dell’istituto Montecelio, agenzia regionale per la comunicazione e la formazione; publicato a Roma nel 2009. Presentazione relativa alla ricerca a Lima: “Ananias: lotta all’abbandono scolastico mediante un programma di diagnosi e rieducazione per bambini/e con problemi di apprendimento”, realizzato dal CIES, in collaborazione con l’associazione peruviana Amigos de Villa, dipartimento di storia, culture, religioni – università degli studi di Roma “La Sapienza” e cofinanziato dal ministero Affari Esteri – DGCS e dalla regione Lazio. Roma 2012.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password