Emilio Spensieri, cantore di questa terra

di Francesco Vitale

Ricorre oggi il centodecimo anniversario della nascita del poeta e scrittore molisano Emilio Spensieri. Nato a Vinchiaturo il 9 maggio del 1911, dedicò la sua vita a celebrare e raccontare le bellezze della sua terra.

Scrittore sensibile e poeta raffinato, riuscì a fare della lingua vinchiaturese letteratura, applicando al suo dialetto gli schemi della poesia. La gran parte delle sue produzioni sono in endecasillabo o in ottonario, pur utilizzando talvolta schemi più “liberi”.

Nella raccolta di poesie “Cumme fusse allora”  racconta, in versi, la sua gioventù e un paese e un Molise che non esistono più. Tema ripreso, seppur con un diverso approccio e uno stile differente, in “Il vento nel vicoli”, in “Vinchiaturo” e in “Sottovoce”. Appassionato conoscitore del Molise, ne racconta gli itinerari nella omonima pubblicazione del 1978 e in generale le sue bellezze e le sue tradizioni in diversi articoli e servizi per la televisione nelle molteplici collaborazioni con Paese Sera, con Il Tempo e con la Rai.

Molti versi delle sue poesie sono diventati canzoni, come la celebre “Mulise”, in cui descrive la genuinità del popolo molisano che “alla parola ammesca ru sorrise” e “Campane di Vegnature” i cui versi evocativi fanno rivivere il suono delle campane che “liegge e dôce n’core ze repone”.

L’ispirazione più grande per la poetica di Spensieri è stata certamente la sua terra, il suo paese, il campanile, il profilo del Matese e i ricordi della gioventù, di un mondo ancestrale, ancora non corrotto dalla modernità. Per ritrovare questa naturalezza delle cose amava spesso recarsi fra i ruderi di Altilia o sulla cima di Santa Maria di Monteverde, sulla croce, da cui diceva di poter vedere tutto il Molise e che, nel cielo terso della mattina, si vedesse persino l’Adriatico.

Da ri munt’ va a ru mare
Chesta Terra de Mulise
Cchiù la ‘uarde e bbella appare
Cumm’è bbiell ‘nu surrise…

Se tutti i molisani avessero la sensibilità di riconoscere le bellezze della propria terra e la capacità di leggerne i valori, come seppe fare Emilio Spensieri, potremmo davvero amare il nostro Molise e sperare in un futuro più alto per la nostra regione.

Francesco Vitale43 Posts

È nato a Campobasso nel 1981. Laureato in Giurisprudenza, è Consulente Finanziario dal 2006 e abilitato all’esercizio della professione forense dal 2008. Opera nel settore culturale sin da giovanissimo con la compagnia teatrale “Maschere Nude - Amici del teatro Pirandelliano” e dal 2012 si occupa di produzioni teatrali e cinematografiche con INCAS Produzioni, fondata con William Mussini e Roberto Faccenda. È autore del libro “Ciak in Molise” (ed. Gump, 2020), in cui affronta il tema delle potenzialità del settore cinematografico in Molise.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password