L’attacco della Occhionero alla Fanelli/Come riverginizzare la sinistra e vivere felici e sconfitti

testata sblog tabassoForse perché noiosamente assisa nel Parlamento più sfaccendato della storia d’Italia, l’on. Giuseppina Occhionero (Leu) si è persa, come una Romagnuolo qualunque, una bella occasione per tacere.

E così, per procacciarsi un certificato politico di esistenza in vita, ha sferrato alla corregionale consigliera regionale Micaela Fanelli (PD) un attacco che le ha fruttato una certa risonanza mediatica nazionale (sparare sulla Croce Rossa PD è ormai uno sport nazionale). Alla Fanelli rivolge tremende accuse di spregiudicatezza e di collaborazionismo col nemico per aver accettato un incarico, per giunta gratuito, di assessore esterno in un Comune (Pontecorvo) guidato da una lista civica a varia estrazione partitica, Forza Italia inclusa. Che se c’era Casa Pound le si poteva pure dare ragione.

La Occhionero riconosce e forse invidia alla Fanelli “competenze di amministratore, peraltro ampiamente dimostrate nel suo operato di sindaco di Riccia”, poi però le addebita di “tenere un piede in due scarpe”, le ingiunge di “chiedere scusa ai propri elettori e fare un passo indietro” e, infine, la invita a “camminare insieme e parlare lo stesso linguaggio”. (Però, se ci pensate, fare un passo indietro con un piede in due scarpe e poi mettersi a camminare non dev’essere tanto agevole.)  Non basta. Per riverginizzare la sinistra col metodo “rivolemose bene”, la geniale deputata di Leu ha la sua brava ricetta a base di carota, bastone e veleno alla vaniglia da cuocere a fuoco amico. In modo che, «la sinistra e il maggior partito che si candida a rappresentarla ritrovino una rotta comune basata sui valori che ci hanno unito per decenni».

A questo punto però dobbiamo essere seri: chi a quei valori è ancora sensibile trova intollerabili polemicucce di campanile così insussistenti dinanzi allo sfasciume nazionalpopulista e in momento in cui il nostro Paese è crocevia di eventi che stanno mettendo in discussione l’Europa e il mondo. Perciò è meglio archiviare la sgangherata sortita della Occhionero e classificarla come frutto di un provincialismo inguaribile e incurabile nemmeno occupando un seggio al Parlamento.

Giuseppe Tabasso137 Posts

(Campobasso 1926) ha un nipotino, due figli e una moglie bojanese, sempre la stessa dal 1955. Da pianista dilettante formò una band con Fred Bongusto. A suo padre Lino, musicista, è dedicata una strada di Campobasso. Laureato in lingua e letteratura inglese, è giornalista professionista dal 1954. Nel 2018 è passato dall’Ordine dei Giornalisti del Lazio a quello del Molise per terminare la carriera dove l’ha iniziata. Ha lavorato in vari quotidiani e periodici (Paese sera, Corriere lombardo, Ore 12, L’Europeo, Annabella, Gente, Radiocorriere). Inviato di politica estera per il GR3 della RAI, ha lavorato a Strasburgo come redattore parlamentare, a New York presso la Rai Corporation, nelle sezioni italiane della BBC a Londra e della Deutschland Funk a Colonia. Pubblicazioni: Il settimanale con Nello Ajello (Ediz. Accademia, Roma 1978); Facciamo un giornale (Edizioni Tuttoscuola, Roma 2001); Il Molise, che farne? (Ed. Cultura & Sport, Campobasso 1996); Post Scriptum, Prediche di un molisano inutile (Bene Comune Edizioni 2006), Gaetano Scardocchia, La vita e gli scritti di un grande giornalista (2008), Moliseskine (Bene Comune Edizioni, 2016). Per le stesse Edizioni è in corso di pubblicazione Fare un giornale, diventare giornalisti, Manuale di giornalismo per studenti, insegnanti e apprendisti comunicatori.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password