Oggi sciopero virtuale degli ambientalisti/Le tartarughe marine, una storia da raccontare

Oggi, 24 aprile, tramite vari hashtag come #DigitalStrike o #ClimateStrikeOnline il movimento Fridays for Future lancia uno sciopero globale online per ricordare che il Covid è una catastrofe annunciata e che la lotta per il clima deve proseguire per scongiurare nuove pandemie dovute alla mancanza di rispetto del Pianeta. Quella esplosa ha fatto registrare positivi cali di emissioni nocive, ma giustamente si teme che tutto sarà come prima.

Ai grandi della terra che si ostinano a non riconoscere le alterazioni degli ecosistemi (Trump, Bolsonaro & Co.) un qualunque bambino simpatizzante di Greta Thumberg potrebbe raccontar loro la triste storia delle tartarughe marine.

Questi stupendi rettili acquatici depongono uova nella sabbia ed è grazie alla temperatura che si determina un perfetto rapporto sul sesso dei nascituri. Infatti la temperatura meno calda della parte inferiore delle uova favorisce la nascita di maschi, mentre la parte superiore, più vicina alla sabbia e quindi più calda, favorisce la nascita di femmine. E’ grazie a questa “diversità” che da ogni covata nascono esattamente 50 maschi e 50 femmine.

Ma cosa sta succedendo? Succede che per l’aumento delle temperature oggi nascono troppe femmine e pochi maschi. Dunque, avanti così e tra qualche anno addio tartarughe. Una semplice, istruttiva lezione per coloro che, per ragioni economiche e interessi politici, fanno orecchie da mercanti alle deforestazioni, alterazioni ecologiche, alle interconnessioni della natura e al legame tra virus e cambiamenti climatici.

Papa Bergoglio predica che non si può rimanere sani in un mondo malato. Gli scienziati affermano da decenni che, prima o dopo, arriva quello che succede dall’altra parte del mondo e che per salvarsi occorre investire nella Terra, rinunciare ad alcuni consumi (la carne ad esempio) e che per questo obbiettivo è fondamentale quella cosa chiamata cooperazione.

Ma vai a parlare di cooperazione, di visione sovranazionale dei problemi e di solidarietà in un mondo bacato da nazionalismi, populismi, sovranismi.

Giuseppe Tabasso182 Posts

(Campobasso 1926) ha un nipotino, due figli e una moglie bojanese, sempre la stessa dal 1955. Da pianista dilettante formò una band con Fred Bongusto. A suo padre Lino, musicista, è dedicata una strada di Campobasso. Laureato in lingua e letteratura inglese, è giornalista professionista dal 1954. Nel 2018 è passato dall’Ordine dei Giornalisti del Lazio a quello del Molise per terminare la carriera dove l’ha iniziata. Ha lavorato in vari quotidiani e periodici (Paese sera, Corriere lombardo, Ore 12, L’Europeo, Annabella, Gente, Radiocorriere). Inviato di politica estera per il GR3 della RAI, ha lavorato a Strasburgo come redattore parlamentare, a New York presso la Rai Corporation, nelle sezioni italiane della BBC a Londra e della Deutschland Funk a Colonia. Pubblicazioni: Il settimanale con Nello Ajello (Ediz. Accademia, Roma 1978); Facciamo un giornale (Edizioni Tuttoscuola, Roma 2001); Il Molise, che farne? (Ed. Cultura & Sport, Campobasso 1996); Post Scriptum, Prediche di un molisano inutile (Bene Comune Edizioni 2006), Gaetano Scardocchia, La vita e gli scritti di un grande giornalista (2008), Moliseskine (Bene Comune Edizioni, 2016). Per le stesse Edizioni è in corso di pubblicazione Fare un giornale, diventare giornalisti, Manuale di giornalismo per studenti, insegnanti e apprendisti comunicatori.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password