OdG Molise, vedi alla voce zoombombing e saltafile

L’inchiesta di Piazza Pulita sui furbetti del vaccino ha infilzato il “Sistema Patriciello” e il sistema sanitario regionale ma ha graziato – forse per carità di patria – l’Ordine dei Giornalisti del Molise e il suo neo-presidente che si è penosamente incartato in una tragicomica e vittimistica vicenda.

Il 10 marzo Vincenzo Cimino ha infatti pubblicato sul sito dell’Ordine un incendiario articolo di cronaca (Gravissimo episodio nel pieno centro di Isernia: vittima il presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Molise) dove la vittima denuncia in stile da mattinale di polizia di aver subìto un mattutino agguato a mano armata (di microfono) da una troupe de La 7”, cioè da una giornalista e un cameraman, che lo hanno “accerchiato senza mascherina e in zona rossa con metodi arroganti e violenti” e tempestato “di domande alle quali non avevo obbligo di replicare, anche perché – testuale – non tenuto a conoscere le risposte alle domande poste e malposte”.

Ma quali sono queste domande “poste e malposte” di cui Cimino non si sente tenuto a conoscere le risposte? Mistero fitto, che nella sua rabbiosa autocronaca dei fatti, il presidente dell’Ordine mantiene con un riserbo, vai a capire perché assoluto.

Una ipotesi potrebbe essere la richiesta di vaccini per il personale giornalistico da lui avanzata alla Regione Molise con una lettera che si conclude così: “In base a un sommario conteggio, sono certo che 200 dosi siano sufficienti”. Dunque, a parte le furbastre certezze sommarie di Cimino, c’è da credere che è proprio su questa richiesta che l’inviata della 7, Micaela Farlocco, chiedeva delucidazioni “malposte” .

Da ricordare che tre giorni prima che il Presidente Mattarella rispettasse il suo turno di vaccinazione, un giornalista autorevole come Enrico Mentana condannava i colleghi che “entrano nel novero dei “salta file”, quegli stessi che denunciamo ogni giorno” e reclamava coerenza, ”altrimenti andiamo a chiedere scusa a Schettino”.

Ignoro le dinamiche interne dell’OdG Molise, dal quale mi sono felicemente allontanato, qualcosa però dev’essere successo in termini di resipiscenza se sul sito è apparso ieri un comunicato che se non è una sconfessione di Cimino, ne ha tutta l’aria.

Inizia così: “Dopo una più attenta riflessione, a 24 ore dal precedente comunicato, l’Odg Molise intende precisare alcune precedenti affermazioni nel doveroso rispetto della dignità delle persone. E’ necessario smorzare i toni di una vicenda che si inserisce in un contesto che da un anno vede tutti impegnati su più fronti a difendersi dalla pandemia che ha modificato in maniera radicale le nostre vite…”

Postilla – Apprendo in questo momento di un duro comunicato di condanna da parte dell’Associazione Stampa molisana. Coerenza vorrebbe che Vincenzo Cimino rassegnasse la sue dimissioni.

Giuseppe Tabasso218 Posts

(Campobasso 1926) ha un nipotino, due figli e una moglie bojanese, sempre la stessa dal 1955. Da pianista dilettante formò una band con Fred Bongusto. A suo padre Lino, musicista, è dedicata una strada di Campobasso. Laureato in lingua e letteratura inglese, è giornalista professionista dal 1954. Nel 2018 è passato dall’Ordine dei Giornalisti del Lazio a quello del Molise per terminare la carriera dove l’ha iniziata. Ha lavorato in vari quotidiani e periodici (Paese sera, Corriere lombardo, Ore 12, L’Europeo, Annabella, Gente, Radiocorriere). Inviato di politica estera per il GR3 della RAI, ha lavorato a Strasburgo come redattore parlamentare, a New York presso la Rai Corporation, nelle sezioni italiane della BBC a Londra e della Deutschland Funk a Colonia. Pubblicazioni: Il settimanale con Nello Ajello (Ediz. Accademia, Roma 1978); Facciamo un giornale (Edizioni Tuttoscuola, Roma 2001); Il Molise, che farne? (Ed. Cultura & Sport, Campobasso 1996); Post Scriptum, Prediche di un molisano inutile (Bene Comune Edizioni 2006), Gaetano Scardocchia, La vita e gli scritti di un grande giornalista (2008), Moliseskine (Bene Comune Edizioni, 2016). Per le stesse Edizioni è in corso di pubblicazione Fare un giornale, diventare giornalisti, Manuale di giornalismo per studenti, insegnanti e apprendisti comunicatori.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password