Morto l’antropologo Ugo Fabietti, 
teoria e pratica della ricerca

ugo fabietti

Lo studioso, professore di Antropologia culturale all’Università Bicocca di Milano, una delle voci più autorevoli della disciplina è scomparso il 7 maggio. Aveva 66 anni

Ugo Fabietti, professore di Antropologia culturale all’Università di Milano Bicocca, se n’è andato domenica 7 maggio prematuramente, all’età di 66 anni. Con la scomparsa di Fabietti viene meno una delle voci più note e autorevoli di questa disciplina. L’antropologia italiana deve molto alla figura di questo studioso, che ha saputo coniugare la ricerca sul campo (tra i Beduini nomadi del Gran Nefud e poi tra gli agricoltori del Baluchistan) e la ricerca teorica, offrendo contributi innovativi ai temi del nomadismo, dell’identità etnica, della costruzione della memoria, degli aspetti materiali della religione.

Fabietti sarà ricordato, tuttavia, non solo per le sue ricerche personali, ma anche per il grande e impareggiabile contributo che ha offerto all’istituzionalizzazione dell’antropologia mediante la redazione di manuali introduttivi e di storia di questa disciplina, più volte re-editati e aggiornati. Al nome di Ugo Fabietti, che cominciò la sua carriera a Torino per poi spostarsi a Pavia e a Firenze, è legato lo sviluppo dell’antropologia culturale a Milano, in particolare all’Università di Milano Bicocca, di cui è stato uno dei principali promotori fin dalla sua fondazione. Sono infatti molti gli allievi e i colleghi che ricorderanno a lungo questo maestro del sapere antropologico.

Fonte Corriere della Sera

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password