Pensierini di fine d’anno/Come salutare il 2018?

testata sblog tabasso

A tener conto dallo sconfortante elenco di cose accadute nel 2018, sarebbe il caso di togliere il saluto all’anno che si chiude con un altro terremoto (come se non bastassero quelli politici). Questo è stato l’Anno delle Bufale a causa di un elettoralismo senza fine e a maxi promesse tipo Abolizione della Povertà. Così, grazie anche allo sport nazionale del cattivismo, il 2018 ha finito col cancellare perfino la favola che “a Natale siamo tutti un po’ più buoni”.

Ho cercato perciò di scovare qualche notiziola incoraggiante. Non è stato facile ma una sono riuscito a pescarla: riguarda le regioni che nei primi nove mesi dell’anno sono risultate le più dinamiche nell’export. Sono: Molise (+40,8%), Calabria (+21,7%), Basilicata (+18,2%) e Valle d’Aosta (+10,7%). Incredibile ma vero, sempre che dal quarto e ultimo trimestre non arrivi la solita delusione.

Un bel colpo è stato inoltre messo a segno a Trivento con quel favoloso albero all’uncinetto che ha fatto letteralmente il giro del mondo.

Poi mi sono aggrappato alle ultime di cronaca natalizia per vedere se a Natale qualcuno si è sentito più buono e ho scoperto il caso ad hoc. Quello del portafoglio smarrito da una ragazza venafrana, contenente 350 euro e documenti personali, che un ragazzo africano ha reperito e consegnato ai Carabinieri. Il quotidiano “Primo piano” aggiunge all’episodio un particolare che riporto testualmente: “La ragazza ha pensato bene di fare un regalo all’immigrato che aveva fatto nient’altro che il suo dovere di cittadino dotato di un minimo di coscienza civica”.

Certamente la ragazza venafrana è stata bravissima e il ragazzo africano ha mostrato non il minimo ma il massimo di “coscienza civica”, però dire “che l’immigrato non ha fatto nient’altro che il suo dovere di cittadino”, equivale a trasformare quel bel gesto civico in un’atroce beffa.

Perché è vero che l’immigrato ha fatto il suo dovere, ma sicuramente non poteva proprio da cittadino.

Quello, fino a quando avremo un Salvini vice-premier, se lo sogna.

Giuseppe Tabasso148 Posts

(Campobasso 1926) ha un nipotino, due figli e una moglie bojanese, sempre la stessa dal 1955. Da pianista dilettante formò una band con Fred Bongusto. A suo padre Lino, musicista, è dedicata una strada di Campobasso. Laureato in lingua e letteratura inglese, è giornalista professionista dal 1954. Nel 2018 è passato dall’Ordine dei Giornalisti del Lazio a quello del Molise per terminare la carriera dove l’ha iniziata. Ha lavorato in vari quotidiani e periodici (Paese sera, Corriere lombardo, Ore 12, L’Europeo, Annabella, Gente, Radiocorriere). Inviato di politica estera per il GR3 della RAI, ha lavorato a Strasburgo come redattore parlamentare, a New York presso la Rai Corporation, nelle sezioni italiane della BBC a Londra e della Deutschland Funk a Colonia. Pubblicazioni: Il settimanale con Nello Ajello (Ediz. Accademia, Roma 1978); Facciamo un giornale (Edizioni Tuttoscuola, Roma 2001); Il Molise, che farne? (Ed. Cultura & Sport, Campobasso 1996); Post Scriptum, Prediche di un molisano inutile (Bene Comune Edizioni 2006), Gaetano Scardocchia, La vita e gli scritti di un grande giornalista (2008), Moliseskine (Bene Comune Edizioni, 2016). Per le stesse Edizioni è in corso di pubblicazione Fare un giornale, diventare giornalisti, Manuale di giornalismo per studenti, insegnanti e apprendisti comunicatori.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password