Curdi, storia di un popolo al confine

Mentre la Turchia continua a rimanere ferma di fronte a Isis, la questione curda torna alla ribalta tra drammi e spinte autonomiste

di Antonio Ferrari da corriere.it

Se non si interviene subito e con determinazione, la città siriana di Kobane, abitata prevalentemente da curdi, rischia di diventare un’altra Srebrenica. L’incubo di un nuovo eccidio, che ripropone più a sud le feroci immagini dei massacri in Bosnia, immagini che sono scolpite nella memoria, è stato evocato da uno dei più attenti diplomatici internazionali: Staffan de Mistura, di origine svedese, inviato in Siria dal segretario generale delle Nazioni Unite. Kobane è simbolo di eroica resistenza, ma anche concreta testimonianza di troppi fallimenti e altrettanti tradimenti. Kobane ripropone per intero la tragedia di curdi, i più sfortunati abitanti del pianeta: sono poco meno di 35 milioni ma sono il più grande popolo al mondo senza un proprio Stato e senza alcun diritto all’autodeterminazione.

Un popolo al confine
Basta guardare uno dei tanti filmati postati sui social, oppure navigare sul web in cerca di immagini significative, per veder riprodotta la tragedia di Kobane accerchiata, come un fortino che rischia l’annientamento se non arrivano i soccorsi, cioè i “nostri”. Il problema è che non sappiamo più chi dovrebbero essere i “nostri”. In un interessante video trasmesso dall’Ypg (unità di difesa curda), segnalato e commentato dal nostro inviato Lorenzo Cremonesi, si sentono confusamente le voci di almeno due italiani che si sarebbero uniti ai combattenti curdi. Novità clamorosa, perché significherebbe che non sono soltanto i fanatici ad essere sostenuti da volontari occidentali. Ad organizzare l’assedio di Kobane, terza città sostanzialmente curda nel nord della Siria, vi sono gli uomini neri dell’Isis, il sedicente stato islamico di Al Baghdadi, che hanno già compiuto decine di massacri e ora, occupando ormai quasi la metà della città frontaliera,minacciano la vita di chi non è riuscito a fuggire: almeno 700 anziani. Di fronte, attraversata la frontiera, c’è la Turchia, che solo apparentemente è approdo salvifico. Ankara infatti ha deciso di sigillare i suoi confini con la Repubblica araba siriana per evitare che, in soccorso ai fratelli, vadano i guerriglieri curdi di Turchia, che continuano a identificarsi nel Pkk (partito dei lavoratori del Kurdistan), e sigle collegate. Ma il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, il suo primo ministro Ahmet Davutoglou, e in generale gran parte dell’opinione pubblica, sia della maggioranza che dell’opposizione, ritengono il Pkk un gruppo terroristico. Quindi, Ankara è pronta a tutto pur di evitare che i combattenti curdi dei due Paesi confinanti si colleghino, alimentando e rinforzando i loro arsenali, facendo risorgere quindi il nazionalismo e il desiderio di indipendenza, che da sempre punteggia le aspirazioni di un popolo sfortunato. Ecco perché Erdogan, dopo aver sostenuto la necessità di entrare in guerra contro i terroristi, come chiedevano gli Stati Uniti e gli alleati della Nato, si guarda bene dal farlo, e resta su posizioni attendiste. E magari, sotto sotto, preferisce all’indipendentismo curdo la sfida feroce dei macellai dell’Isis. L’understatement che utilizziamo è soltanto un paravento per non dire papale papale che per il presidente turco lo stato islamico è quasi il benvenuto. In sostanza, lo ritiene assai meno pericoloso dei curdi in armi e del suo più acerrimo nemico, il presidente siriano Bashar al Assad.

Migranti a Nord
Poveri curdi! Parlando anni fa con un dirigente palestinese, che lamentava la pigrizia del mondo nel riconoscere i diritti del suo popolo, mi capitò di rispondere: «Beh, voi almeno siete fortunati, perché tutti vi conoscono e vi rispettano. Provate a pensare ai curdi, che non interessano a nessuno!». Nel ricordare che la montagna che divideva due Paesi, la Turchia e l’Irak, ai tempi di Saddam Hussein, nascondeva la spiegazione di una grave ingiustizia, dissi che era inaccettabile che dal versante turco i combattenti curdi fossero tutti terroristi, mentre da quello iracheno fossero tutti intrepidi ed eroici soldati della libertà. La tragedia dei curdi è che sono un popolo disperso, anzi, sono le cinque più importanti minoranze di cinque diversi Paesi: rappresentano oltre il 10 per cento della popolazione turca, l’8 per cento di quella irachena, il 6 per cento di quella siriana, il 4 per cento dell’iraniana, e l’1,3 per cento di quella armena. Vi sono poi 800 mila emigrati in Europa, più della metà dei quali vive in Germania. Popolo di pastori, quello curdo, che si trovò a patire, fin dalle sue prime tracce nel tardo 14mo secolo, le contraddizioni a cavallo di due imperi: quello ottomano e quello persiano. L’unico momento in cui il sogno della riunificazione e di un proprio Stato si stava materializzando, anzi si era quasi realizzato, fu alla fine del primo conflitto mondiale. E precisamente a Sèvrès, dove i grandi si riunirono per decidere la distribuzione delle spoglie ottomane e per certificare gli equilibri segnati dall’esito della Grande Guerra. Pareva che tutti fossero d’accordo, in linea di principio, a far nascere un Kurdistan indipendente.

Da Sèvrès a Kobane passando per Diyarbakir
Era il 1920. In verità, i vincitori della guerra già stavano tramando per scomporre e ricomporre le loro ciniche alleanze. E poi vi era un problema socio-culturale di fondo: la distanza siderale tra i curdi autoctoni del mondo rurale e i curdi della borghesia, che si erano trasferiti in Europa, pretendendo di rappresentare al tavolo dei negoziati l’intero popolo. Il capo-negoziatore curdo, il brillante Sherif Pasha, era più un ricercato viveur (belle donne e gioco d’azzardo) che un ostinato difensore della causa. Ma il fallimento non fu colpa sua. Nel 1923, condizionate dal nuovo nazionalismo turco, rappresentato da Mustafà Kemal Ataturk, padre della Repubblica, le promesse di Sèvrès si sciolsero come neve al sole, e lo Stato svanì. Lo scenario, negli ultimi decenni, è simile: i guerriglieri curdi di Turchia, dopo le speranze che si erano diffuse con l’avveduta leadership di Turgut Ozal, il primo premier dopo l’ultimo colpo di Stato militare del generale Evren, hanno conosciuto nuove sconfitte. Ozal, con parziali origine curde, aveva creato un canale di dialogo per spingere alla trattativa il leader del Pkk Abdullah Ocalan, ospite in Siria e in Libano. Ma progetti falliti e violenze inarrestabili portarono al collasso. Ocalan fu catturato, dopo un’odissea che lo vide anche in Italia, e ora sconta l’ergastolo in un’isola nel mar di Marmara. In verità il leader turco-curdo aveva rinunciato ai sogni di indipendenza, accettando quell’autonomia che il presidente Erdogan si diceva (e si dice) pronto a riconoscere.
Le aperture sembravano serie, anche perché Ankara voleva evitare il contagio vincente dei curdi iracheni, gli unici che sembrano calamitare il sostegno del mondo. Sostegno che avrebbe rilanciato il sogno dell’indipendenza. Erdogan, pur di impedirne la realizzazione, è stato pronto a tutto, anche a favorire i macellai dell’Isis, che di fatto la Turchia ha riconosciuto come rappresentanti dello stato islamico di Al Baghdadi. Infatti, quando 49 dipendenti del consolato turco di Mosul furono catturati dai tagliagole con la bandiera nera, Ankara si fece guardinga con tutti: a cominciare dagli alleati della Nato. Si è capito il motivo quando vi è stato un interessante scambio di prigionieri: console e personale in cambio dei 180 prigionieri, pardon “ospiti”, appartenenti all’isis, feriti in combattimento, che la Turchia aveva deciso di accogliere, curare e assistere nei suoi ospedali. Il mondo freme di rabbia per le violenze dell’Isis, ma ben pochi agiscono per fermare finanziamenti e aiuti che continuano a raggiungere gli assassini del posticcio califfato. Kobane rischia di pagare il prezzo più alto, dopo tanti massacri e il sacrificio di Arin Mirkin, la sorridente soldatessa curda che si è fatta esplodere, trascinando nel baratro molti aguzzini, pur di non finire nelle grinfie degli assassini. Calamitando inusitata tenerezza e comprensione per una donna-kamikaze.

1 Comment

  • Gianni Sartori Reply

    24 Dicembre 2020 at 15:04

    ARMENI E CURDI UNITI NELLA LOTTA PER L’AUTODETERMINAZIONE
     
     
     
    (Gianni Sartori)
     
     
     
    Capita ancora ogni tanto. Meno spesso di prima, ma capita.
     
     
     
    Qualcuno “che ha studiato” – non avendo evidentemente altri argomenti per screditare la strategia adottata dai curdi in Rojava – tira fuori dal cappello la questione degli Armeni. Ed è anche capitato che mi venissero a citare una vecchia intervista del 2006 a Baykar Sivazliyan, armeno, docente universitario autore di numerosi libri sia sugli armeni che sui curdi (con cui è in ottimi rapporti da sempre).
     
    Peccato che nell’intervista in questione le affermazioni di Baykar non andassero in quella direzione. Al contrario, intendeva riconoscere al Parlamento curdo in esilio – che aveva espresso un rammarico sincero – il merito storico di aver denunciato le responsabilità di alcuni curdi (una conseguenza indiretta dell’organizzazione feudale curda dell’epoca) nel genocidio degli armeni. Fornendo, quantomeno, una conferma delle ben più pesanti responsabilità turche (una “chiamata in correo” diciamo). Del resto -spiegava Baykar Sivazliyan – non è che agli armeni interessi condannare tutti i turchi odierni “a prescindere” per quello che hanno fatto i loro antenati. Si tratta invece di riconoscere, ammettere una buona volta le responsabilità dello Stato e dei dirigenti turchi dell’epoca.
     
    E magari chiedere anche scusa, già che ci siamo.
     
     
     
    Come lo so? Semplicemente perché conosco Baykar da anni e l’intervista citata a sproposito era una delle mie.*
     
     
     
    La questione ora rischia di riproporsi e quindi mi sembra opportuno anticipare eventuali rimostranze.
     
    Mentre gli armeni del Nagorno-Karabakh sono costretti ad abbandonare le loro case e mentre si profila il pericolo concreto di un ennesimo etnocidio (culturale, ma non solo) per mano degli azeri con il sostegno di Ankara, da più parti vengono lanciati appelli per “salvare gli Armeni di Artsakh”.
     
    Ottimo, anche se tardivo. Purché non rimanga solo un benevolo auspicio.
     
     
     
    Altri, i curdi per esempio, non avevano aspettato tanto per esprimere la loro concreta solidarietà al popolo armeno. Coerentemente con la pacifica convivenza sperimentata sia in Anatolia che nel Caucaso per millenni. Una convivenza incrinata soltanto all’epoca delle guerre turco-russe, propedeutiche agli eventi del 1915. Se ancora oggi qualche armeno rinfaccia ai curdi (o meglio, a una parte dei curdi) il ruolo di collaborazionisti nel genocidio non ha tutti i torti. Così come qualche curdo non dimentica altre ingiustizie subite – magari di minor gravità  – per mano degli armeni (e degli azeri ovviamente). Ossia la deportazione di centinaia di migliaia di curdi dal “Kurdistan Rosso” quando si spartirono la regione.
     
     
     
    Ribadisco. Attualmente i curdi, la stragrande maggioranza dei curdi, si rammarica profondamente per il ruolo di alcuni esponenti del loro popolo nel genocidio ordinato dal regime ottomano. Collaborazione che comunque avvenne in aperto contrasto con quanto richiesto dai notabili curdi riuniti nel Movimento Xoybun (di cui facevano parte anche molti armeni) che auspicava un Kurdistan indipendente a fianco di uno Stato armeno.
     
    Curdi e armeni, due popoli perseguitati, forzatamente minorizzati, sia massacrandoli direttamente, sia frantumandoli tra vari stati. Come i curdi vengono perseguitati (principalmente da Ankara, ma anche Teheran non scherza) sia in Bakur che in Rojava e Rojhilat (e anche in Bashur naturalmente, talvolta con la colpevole complicità di altri curdi), così gli armeni oggi si ritrovano sottoposti alla doppia persecuzione di Turchia e Azerbajian.
     
    Per quanto riguarda i curdi, un caso limite è quello di Afrin, il cantone curdo contro cui nel 2018 si erano scatenate le milizie mercenarie siriane e jihadiste alleate dell’esercito turco. Specularmente all’odierna tragedia del Nagorno-Karabakh, così da Afrin si snodavano altre interminabili colonne di profughi scacciati dalle loro case. Oggi Afrin è completamente sotto il controllo turco e le bande jihadiste vi impongono la sharia, esautorando completamente il Confederalismo democratico (pluralista,femminista , ecologista) che i curdi avevano applicato.
     
    Un modello, per inciso, valido universalmente, non soltanto per i curdi.
     
     
    Su chi possono contare ora come ora curdi e armeni? Soltanto su loro stessi probabilmente, dato che gli stati (quelli europei compresi) non manifestano particolare allarme per quanto sta avvenendo (almeno finché gli eventi non dovessero turbare i loro interessi). E’ comunque altamente auspicabile che al fianco di armeni e curdi si vadano schierando quanti credono ancora nell’autodeterminazione dei popoli. Così come è auspicabile che dalla comune lotta contro l’oppressione, rinasca una forte, sincera alleanza tra curdi e armeni. Un’alleanza in grado di lenirne, rimarginarne definitivamente le reciproche ferite.
     
     
    Gianni Sartori

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password