La scomparsa di Fratianni/ Una pittura che rimarrà nostra compagna

nell'articolo“Elisa, mia madre, impastava il pane con il lievito e, a forza di braccia, la pasta cresceva, cresceva… Io dipingo facendo crescere l’impasto cromatico per sovrapposizione di timbri. La vita, spesso, ha un spartito già scritto.” Scriveva così Domenico Fratianni in uno dei suoi “appunti di viaggio” raccolti nel suo fondamentale libro autobiografico “La luce negli occhi” (Palladino Editore). Che sullo spartito già scritto della sua vita si sia abbassato il sipario proprio a Matera, capitale europea della cultura, sembra un regalo del destino. Il suo cuore ha cessato di battere nel posto che meritava un artista del suo calibro. Una scomparsa paragonabile a quella di Giorgio Palmieri.

L’aprile scorso mi aveva scritto: “L’invito di tenere una personale nella capitale della cultura europea nello storico Circolo La Scaletta, in via dei Sette Dolori, mi rende  molto felice”. Ne fui felice anch’io sapendo che quel Circolo è una specie di tempio dell’incisione calcografica, il modello di una “scuola-bottega” che Domenico avrebbe voluto replicare a Campobasso. Oggi siamo tutti affranti per la sua scomparsa ma di lui ci rimane la sua arte grande e difficile. E i suoi bellissimi appunti. Voglio piangerlo riportandone uno dal titolo “L’imbianchino pittore”.

“Serviva uno scenario per quel vecchio e improvvisato stanzone adibito a teatro. Servivano anche delle quinte che non furono mai realizzate. Fu chiamato un imbianchino che, per quanti sforzi facesse non riusciva a dar senso alla scena, Le case, gli animali le strade, il sole, cercavano di sistemarsi in quella grande tela rattoppata, senza mai trovare una sistemazione nello spazio prospettico. Tutto sembrava capovolto e provvisorio; e i colori, usati alla rinfusa, stridevano negli accordi tonali. Era il primo tentativo di espressione figurativa che mi era dato di vedere, eppure, fu un’illuminazione. Avevo trovato la mia compagna di vita: la pittura.” Grazie, Domenico, squisito, indimenticabile amico. La tua pittura rimarrà anche la nostra compagna.

Giuseppe Tabasso133 Posts

Nasce a Campobasso nel 1926, ha un nipotino, due figli e una moglie bojanese, sempre la stessa dal 1955. Da pianista dilettante formò una band con Fred Bongusto. A suo padre Lino, musicista, è dedicata una strada di Campobasso. Laureato in lingua e letteratura inglese, è giornalista professionista dal 1954. Nel 2018, per terminare la carriera dove l’ha iniziata, è passato dall’Ordine dei Giornalisti del Lazio a quello del Molise. Ha lavorato in vari quotidiani e periodici (Paese sera, Corriere lombardo, Ore 12, L’Europeo, Annabella, Gente, Radiocorriere). E’ stato inviato di politica estera per il GR3 della RAI. Ha lavorato a Strasburgo come redattore parlamentare, a New York presso la Rai Corporation, nelle sezioni italiane della BBC a Londra e della Deutschland Funk a Colonia. Pubblicazioni: Il settimanale con Nello Ajello (Ediz. Accademia, Roma 1978); Facciamo un giornale (Edizioni Tuttoscuola, Roma 2001); Il Molise, che farne? (Ed. Cultura & Sport, Campobasso 1996); Post Scriptum, Prediche di un molisano inutile (Bene Comune Edizioni 2006), Gaetano Scardocchia, La vita e gli scritti di un grande giornalista (2008), Moliseskine (Bene Comune Edizioni, 2016). Per le stesse Edizioni è in corso di pubblicazione Fare un giornale, diventare giornalisti, Manuale di giornalismo per studenti, insegnanti e apprendisti comunicatori.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password