Oggi Fred Bongusto avrebbe compiuto 85 anni/Una proposta a costo zero per ricordarlo (a Pasquetta)

Oggi, lunedì 6 aprile, Fred Bongusto avrebbe compiuto 85 anni. Era del segno Ariete (come Mina che ha appena compiuto 80 anni) e se ne vantava: “E’ il segno di chi sogna di andare lontano, di che riesce a lavorare fino all’alba”, riferendosi al suo massacrante lavoro nei dancing e nei night club dell’epoca.

Oggi, a cinque mesi dalla sua scomparsa terrena, in un mondo flagellato da una catastrofe epocale, non avrebbe senso recargli l’omaggio programmato dalla sua città natale. Una città che nel giorno sacro del Venerdì santo è costretta alla traumatizzante rinuncia di celebrare il suo rito più collettivo e identitario senza scendere in processione nelle sue strade in saio nero al canto del dolente “teco vorrei” che mai come ora appare più straziante.

Lo stramaledetto virus ha stravolto le nostre vite, i nostri riti religiosi, civili e mondani e ci costringe a rimandare tutto a quando potremo riaccorciare le distanze affettive e sociali senza mascherine. Il nostro mondo si è fermato e in tante città il suono delle sirene di ambulanze è diventato una lancinante colonna sonora. Passano i giorni e non sappiamo se la prossima estate potremo aprire gli ombrelloni e sognare orizzonti migliori dalle mitiche rotonde sul mare immortalate da Bongusto.

Caro Fred, sarebbe stato bello dedicarti un post mortem come dio comanda, ma siamo tutti in quarantena di purificazione sanitaria e quaresima religiosa. Farlo oggi sarebbe come tramutare te in un santino e un postumo happy birthday in un rito blasfemo. Non dispero che, a virus scampato e a santino non gabbato, qualcosa si farà per non disperdere la tua memoria. Anzi, in qualità di tuo sopravvissuto amico (e di tuo biografo con un libro ora lockdown), azzardo un’idea a costo zero che passo ai nostri conterranei e agli inquilini di Palazzo San Giorgio.

Lunedì prossimo 13 aprile, è Pasquetta, giorno di scampagnate consumate in letizia che mai avremmo immaginato offuscato da tanti lutti. Offuscato ma intatto nel suo significato di Resurrezione. Per esorcizzare la paura di un presente brutto ci siamo aggrappati al potere della musica per sognare un futuro bello cantando e suonando da finestre e balconi. E allora questa giornata così particolare potrebbe essere l’occasione di una metaforica resurrezione collettiva nel nome di Bongusto con una “scampagnata” su finestre e balconi per cantare e suonare a una certa ora fissa, il meglio che il nostro indimenticabile conterraneo ha regalato agli italiani.

Postilla* Se questa proposta ricevesse numerosi like, compresi quelli di Gravina, di decine di sindaci e di radio e TV locali, lunedì prossimo potrebbe essere per tutti una Pasquetta meno amara, anzi doce doce.

Giuseppe Tabasso197 Posts

(Campobasso 1926) ha un nipotino, due figli e una moglie bojanese, sempre la stessa dal 1955. Da pianista dilettante formò una band con Fred Bongusto. A suo padre Lino, musicista, è dedicata una strada di Campobasso. Laureato in lingua e letteratura inglese, è giornalista professionista dal 1954. Nel 2018 è passato dall’Ordine dei Giornalisti del Lazio a quello del Molise per terminare la carriera dove l’ha iniziata. Ha lavorato in vari quotidiani e periodici (Paese sera, Corriere lombardo, Ore 12, L’Europeo, Annabella, Gente, Radiocorriere). Inviato di politica estera per il GR3 della RAI, ha lavorato a Strasburgo come redattore parlamentare, a New York presso la Rai Corporation, nelle sezioni italiane della BBC a Londra e della Deutschland Funk a Colonia. Pubblicazioni: Il settimanale con Nello Ajello (Ediz. Accademia, Roma 1978); Facciamo un giornale (Edizioni Tuttoscuola, Roma 2001); Il Molise, che farne? (Ed. Cultura & Sport, Campobasso 1996); Post Scriptum, Prediche di un molisano inutile (Bene Comune Edizioni 2006), Gaetano Scardocchia, La vita e gli scritti di un grande giornalista (2008), Moliseskine (Bene Comune Edizioni, 2016). Per le stesse Edizioni è in corso di pubblicazione Fare un giornale, diventare giornalisti, Manuale di giornalismo per studenti, insegnanti e apprendisti comunicatori.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password