Il Molise e i LEA: una promozione con qualche riserva

ospedale larino

di Anna Maria Di Pietro

I LEA, Livelli Essenziali di Assistenza, comprendono tutte quelle prestazioni che il Servizio Sanitario Nazionale deve offrire ai cittadini in maniera gratuita o dietro il pagamento di un ticket. Tra le prestazioni, solo per citarne qualcuna, nei vari livelli rientrano le campagne di vaccinazione, le attività di prevenzione rivolte alla collettività, l’assistenza sanitaria di base, quella farmaceutica e le attività riguardanti l’assistenza ospedaliera, come il pronto soccorso o i ricoveri. Dunque, in quanto all’erogazione di questi e altri servizi il Molise ha raggiunto un risultato soddisfacente. Guardando al panorama sanitario regionale, però, bisogna chiedersi “come” queste prestazioni siano state dispensate. La chiusura di alcuni Ospedali che coprivano vaste aree, ha provocato la congestione di quelli rimasti, che non sono in grado, il più delle volte, di far fronte all’elevato numero di richieste.

Dunque, Pronto Soccorso affollati, prenotazioni di esami specifici con tempi di attesa lunghissimi, ricoveri con posti letto limitati e disservizi vari. A questo si aggiunga anche il fatto che nei vari reparti ospedalieri il personale sanitario non è in numero sufficiente; aspetto rilevante perché ne va della qualità delle cure ricevute. A questi problemi interni alla Sanità, frutto di scelte dissennate, se ne deve aggiungere un altro che non è proprio marginale: la difficoltà dei cittadini di raggiungere i Presìdi. Con una linea ferroviaria non funzionante, trasporti pubblici limitati e strade interne inadeguate e dissestate, diventa veramente difficile spostarsi, con il problema che si acuisce se si pensa alle fasce deboli quali anziani, disabili e malati oncologici. Se la Sanità molisana ha rispettato taluni parametri riguardo alle prestazioni erogate e ha ottenuto un punteggio apprezzabile riguardo al “quanto”, il come, guardando la realtà, non è poi così soddisfacente.

Anna Maria Di Pietro31 Posts

Nata a Roma (Rm) nel 1973, studi classici, appassionata lettrice e book infuencer, si occupa di recensioni di libri e di interviste agli autori, soprattutto emergenti.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password