La rete incorona Vincenzo De Luca

In un momento così drammatico da aver ridimensionato perfino l’attivismo da balcone, strappare una risata vera non è cosa semplice. Si rischia di risultare irrispettosi o peggio. Tuttavia “alleggerire” è, per ovvie ragioni, una mission fondamentale, visto che il dramma ci ha avvolti tutti e visto che l’attesa che tutto finisca si appresta ad essere prorogata.

A stemperare la paura ci stanno provando nell’etere, ma il filo è sottile, si ha paura di sconfinare, di sembrare sconvenienti, di perdere consensi. Forse è anche per via di questo clima di incertezza che si sta imponendo la verve e il pugno di ferro di un uomo di 70 anni che di professione fa il politico.

Non ce ne voglia ma, in barba a tutti i millennials, il vero Youtuber emergente di queste settimane si chiama Vincenzo De Luca, classe 1949, governatore di una delle regioni più importanti d’Italia, lunga carriera alle spalle, per molti “lo sceriffo” dai tempi di Salerno. Mai soprannome fu più riduttivo.

Appassionato di Miguel de Cervantes, detrattore dei navigator, delle 5 Stelle e dei webmaster, il repertorio da entertainer di razza del Governatore della Campania è in costante aggiornamento: un mix trasversale, qualcosa di particolarmente efficace per i tempi che corrono.

Pochi riescono ad esporre in modo così spontaneo pescando da un vocabolario aulico ed infondendo comunque un grande senso di credibilità e concretezza; distante ma non troppo dai modi di uno sceriffo, specie quando invita al dibattito pubblico chiunque ha fatto la pipì fuori dal vaso.

Con le sue invettive, De Luca riesce a rassicurare, dare forza e a regalare irresistibili picchi di sarcasmo, vera linfa della rete 2.0.

Le pagine facebook che riportano il suo nome sono in costante aumento, la sua pagina ufficiale facebook è più che raddoppiata nell’ultimo mese e mezzo ed è prossima ai 715.000 like. I video dove compare la sua faccia, un cult da quarantena. Non sono tanto il suo operato politico e i presunti scheletri nell’armadio ad interessare qui, quanto l’animale comunicativo, la dialettica pacata e l’inesorabile verve partenopea pronta a blastare chiunque metta in dubbio la bontà e la buona fede del suo operato amministrativo. Mentre la comunicazione degli altri è istituzionalizzata, ripetitiva e affidata ad esperti del settore o presunti tali, De Luca è da sempre il miglior avvocato/promotore/esperto di marketing di sé stesso. Come dire, politico e “bestia” in un unico corpo.

Per quelli più attempati, incarna l’amico del bar mai banale che si fa rispettare, mentre i più giovani stanno cominciando a vedere in lui una specie di irresistibile gran visir degli haters, ben più esilarante di Maurizio Crozza.

Chi lo conosceva non è sorpreso da questo exploit. Carlo Verdone ha detto che Vincenzo De Luca è il più grande attore che abbiamo in Italia. Resta solo da vedere come reagirà questa New Sensation della rete alla prova del tempo. La scorza e il talento ci sono tutti.

Giuseppe Piacente3 Posts

Nato a Isernia (IS) nel 1980. Si è trasferito a Roma molto più tardi, laureato in Scienze della Comunicazione, “masterizzato" in Scrittura creativa, ha ricevuto il tesserino da Giornalista pubblicista nel lontano 2008. Ha scritto, redatto, corretto, intervistato, editato, indicizzato e continua ancora a fare tutte queste cose. Vive tra Molise, Lazio e World Wide Web. Il suo blog di cinema: copyisteria.altervista.org

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password