Tutti insieme “moderatamente”

ruta-leva

C’è una categoria ambigua e maleodorante che nella pubblicistica politica del nostro sfortunato paese viene utilizzata a mani basse e rimbalza con disinvoltura nella nostra piccola, tenera, marginale e poco comunicativa regione: quella della moderazione. Ruta e Leva ne hanno fatto la stella polare della loro proposta (?) Il centro “moderato”, nel Molise, governa senza soluzione di continuità dal secondo dopoguerra alimentando un sottosviluppo assistito arrivato al capolinea, che ce ne rendiamo conto oppure no. Senza progetto, i “moderati” si sono dilaniati per occupare il potere insieme alle loro famiglie e alla sterminata schiera delle loro truppe cammellate. Amministrando le risorse ingenti che gli sono arrivate dai Governi centrali e centristi essi, con la complicità di una sinistra collaterale e consociativa, hanno saputo costruire un “blocco sociale conservatore” che rappresenta il sordido zoccolo duro della loro egemonia culturale.

I moderati molisani sono estremisticamente nemici del bene comune; hanno un’idea gangsteristica della politica, secondo la quale l’amministrazione (rigorosamente con la minuscola) serve a ristorare gli interessi di chi vince le elezioni e dei suoi innumerevoli galoppini. In questa grammatica anticostituzionale sono contemplati i clientelismi di tutte le risme e le transumanze politiche da un partito e addirittura da uno schieramento all’altro. I “moderati” molisani sparigliati a destra e a sinistra (a seconda della convenienza)perseguono addirittura dichiaratamente l’obiettivo della carriera personale. Nel centrosinistra di casa nostra, con un profilo apparentemente basso, con determinazione caparbia opera Roberto Ruta. “Moderatamente” ne ha combinate di cotte e di crude: dimissioni dal partito, fondazione di un soggetto esterno, rielezione alla presidenza regionale ecc., con l’obiettivo lavorato sottotraccia e oramai a portata di mano di tornare in Parlamento. Il suo gruppo di riferimento, quello proveniente insieme a lui dalla Margherita confluita nel Pd, è passato col centrodestra perché aveva capito perfettamente quello che c’era da capire: che la politica serve ad amministrare interessi di bottega e rigorosamente personali; Cavaliere, Arco, Di Falco e da ultima Marilina Di Domenico per dire quelli che vengono subito in mente. Mentre però questo scempio si è compiuto (ormai si è compiuto) e ha avuto per teatro il Partito democratico, la sinistra post comunista di quel partito si è estinta per difetto d’analisi e per insipienza progettuale, oltre che per effetto di una mediazione senza sosta e senza quartiere che l’ha vista soccombere sempre.

Di soppiatto, i “moderati” molisani, i voraci militanti del partito trasversale che amministra il blocco sociale conservatore egemone e maggioritario in via di consunzione, si scompongono e si ricompongono con una tecnica ad organetto, avendo sempre e solo cura che gli interessi in solido siano salvaguardati. Che Patriciello e Pietracupa (anche Iorio, perché no?) stiamo da una parte o dall’altra è una questione di convenienza; e comunque sono problemi che s’aggiustano. Con “moderazione” s’intende.

Antonio Ruggieri62 Posts

Nato a Ferrazzano (CB) nel 1954. E’ giornalista professionista. Ha collaborato con la rete RAI del Molise. Ha coordinato la riedizione di “Viaggio in Molise” di Francesco Jovine, firmando la post—fazione dell’opera. Ha organizzato e diretto D.I.N.A. (digital is not analog), un festival internazionale dell’attivismo informatico che ha coinvolto le esperienze più interessanti dell’attivismo informatico internazionale (2002). Nel 2004, ha ideato e diretto un progetto che ha portato alla realizzazione della prima “radio on line” d’istituto; il progetto si è aggiudicato il primo premio del prestigioso concorso “centoscuole” indetto dalla Fondazione San Paolo di Torino. Ha ideato e diretto quattro edizioni dello SMOC (salone molisano della comunicazione), dal 2007 al 2011. Dal 2005 al 2009 ha diretto il quotidiano telematico Megachip.info fondato da Giulietto Chiesa. E’ stato Direttore responsabile di Cometa, trimestrale di critica della comunicazione (2009—2010). E’ Direttore responsabile del mensile culturale “il Bene Comune”, senza soluzione di continuità, dall’esordio della rivista (ottobre 2001) fino ad oggi. BIBLIOGRAFIA Il Male rosa, libro d’arte in serigrafia, (1980); Cafoni e galantuomini nel Molise fra brigantaggio e questione meridionale, edizioni Il Rinoceronte (1984); Molise contro Molise, Nocera editore (1997); I giovani e il capardozio, Nocera editore (2001).

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password