Io, Petta, Turzo, Ruzzone, Iammacone e Iannacone

petta

testata sblog tabassoCon la scusa di incitarmi a non staccare la spina, Giovanni Petta mi ha indirizzato una lauda che più imbarazzante non si può, per di più accompagnata da un poetico brano del grande Vecchioni, che a un vecchione come me “te fa chiagne”, per dirla come essere alla Cantina Iammacone. Pregherò Antonio Ruggieri di conservare il testo di Petta: potrebbe servirgli al momento di pubblicare sul Bene Comune il mio “coccodrillo” (genere di elogio funerario che i giornali tengono in frigo fino al momento della dipartita di un loro collaboratore). Pensate alla mia incredibile fortuna di poterlo leggere in anteprima. Da vivo.

Caro Petta, noi ci conosciamo solo per essere coinquilini e tenutari di rubriche su BC, e in tale veste ci leggiamo e stimiamo a vicenda. Allora, non per mettermi a fare minuetti con reciproca reverenza, ma solo perché, prima che il coccodrillo vada in stampa, questa mi rimane un’occasione unica per dirti quanta invidia provo ogni mese nel leggere il tuo strepitoso “molitaliano”. Un’ invidia che nasce dal fatto che se io scrivo “Sturm und Drang”, poi devo fare una parentesi per pregare i lettori (senza citare Tom Wolfe) di non prendermi per un radical-chic. E so che se arrivo a un centinaio di click e a mezza dozzina di like, è già un successone. Tu invece, caro Giovanni, col tuo originalissimo molitaliano, ti sei inventato un imperdibile e irripetibile codice etnico-linguistico. A leggerlo è apparentemente semplice, dà a tutti l’impressione di poterlo imitare. Io non ci sono riuscito perché so benissimo quanto queste tue costruzioni e locuzioni sintattiche e grammaticali siano frutto di una immersione profonda nel nostro “medioriente”.

E’ questo tuo corrosivo talento pop alla (falsa) portata di tutti che invidio, sapendo che non mi sarà mai concesso di poter bazzicare con te e Ruzzone la mitica Cantina Iammacone. Anzi immagino i “cazziatoni” che mi riservereste per aver sbagliato indirizzo. A proposito di Iammacone, che confondo sempre col premiato collega televisivo Iannacone, il prossimo Premio San Giorgio io lo darei proprio a te caro Rossano Turzo, pardon caro Giovanni Petta.

Giuseppe Tabasso122 Posts

Nato a Campobasso nel 1926, laurea in lingua e letteratura inglese, ha iniziato la carriera giornalistica in vari periodici (Gente, L’Europeo, Radiocorriere). Inviato speciale di politica estera al GR3 della Rai, ha seguito dal 1976 i massimi eventi internazionali e 13 viaggi di Giovanni Paolo II all’estero. Ha lavorato a Strasburgo come redattore parlamentare, a New York presso la Rai Corporation, a Londra e a Colonia per le sezioni italiane della BBC e della Detuschland Funk. Pubblicazioni: Il settimanale con Nello Ajello (Ediz. Accademia, Roma 1978); Facciamo un giornale, Manuale di giornalismo per studenti, insegnanti e apprendisti comunicatori (Edizioni Tuttoscuola, Roma 2001); Il Molise, che farne? (Ed. Cultura & Sport, Campobasso 1996); per le Edizioni Il Bene Comune: Post Scriptum. Prediche di un molisano inutile (2006); Gaetano Scardocchia, La vita e gli scritti di un grande giornalista (2008), Molise, anno zero (2009) e Moliseskine (2016); per l’Editrice Filopoli, Mol(is)eskine (2013); Gli Esuli. Tra il mito di Abramo e di Ulisse (in Campobasso capoluogo del Molise, Vol. III, Palladino Editore). Ha diretto con Tarquinio Maiorino il mensile Molise (1992/3).

1 Comment

  • Carolina Mastrangelo Reply

    18 luglio 2019 at 13:34

    I tuoi pezzi al peperoncino sono sempre stupendi. Non saprei dire quale di più.

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password