La morte del giornalismo?/Una fake news. Lo salveranno i giovani

nell'articoloTwitter sta diventando uno dei principali (per Trump l’unico) dei mezzi di comunicazione politica. Giustamente quindi il New York Times ha sferrato un duro e allarmato attacco al popolare sistema di comunicazione invitando i giornalisti di tutto il mondo a non arrendersi alla sua micidiale invadenza che “sta uccidendo il giornalismo perché previlegia l’immagine sulla sostanza e penalizza l’approfondimento”.

Rischiamo forse di umiliare a colpi di sbrigative battutine un bene comune decisivo come l’informazione e la comunicazione? Per noi operatori del ramo, la prospettiva è inquietante al punto da aggrapparci a ogni segnale in controtendenza. Come quello che ho colto scoprendo un giornalismo giovanile allergico alla volatilità della twitteratura.

Mi è successo imbattendomi in un giornalino redatto da studenti dell’Isis Majorana Fascitelli di Isernia del quale mi ha colpito la freschezza, il gusto illustrativo, la grinta, l’apertura all’esterno, l’europeismo, la curiosità, l’ironia, l’indignazione e perfino la capacità investigativa. Quindi mi sono subito complimentato con quella gagliarda ciurma di millennials e con il loro Referente di pubblicazione, prof. Massimo Campanella.

Da lui ho ricevuto una risposta che c’induce a guardare con più ottimismo alle nuove generazioni. Ed è per questo che vale riportarne uno stralcio. “Questi nostri giovani – mi ha scritto – non sono dementi digitali con la testa sempre china sullo schermo di un telefonino. Per noi sono la meglio gioventù che studia, lavora, s’impegna, immagina e coltiva progettualità e slancio verso il futuro. Quella crede che con l’impegno, la disciplina, la passione si possano realizzare i sogni, in un contesto sano cui non fanno mai mancare solidarietà, altruismo e attenzione per gli altri. Pensi che hanno donato alla scuola tutto l’incasso del loro veglione per riacquistare i pc rubati.

È la meglio gioventù alla quale noi insegnanti puntiamo, fatta di portatori sani di determinazione scolastica e civile. Giovani capaci di trasmettere se stessi agli altri attraverso la scrittura, la fotografia, la parola espressiva, la grafica, l’immagine eloquente. Saranno loro, al termine di questa avventura editoriale, ad aver insegnato delle cose a noi docenti”. Conforta dunque che nel nostro Paese, e in questa nostra regione, l’insegnamento persegua il suo vero scopo: far nascere delle passioni. Conforta che un gruppo di redattori in fasce si appassioni a praticare un giornalismo sperimentale e immune da twitter. Conforta infine noi vecchi e preoccupati cronisti che le notizie sulla morte del giornalismo siano (come disse Mark Twain nel leggere la fake news della sua scomparsa) leggermente esagerate.

Giuseppe Tabasso181 Posts

(Campobasso 1926) ha un nipotino, due figli e una moglie bojanese, sempre la stessa dal 1955. Da pianista dilettante formò una band con Fred Bongusto. A suo padre Lino, musicista, è dedicata una strada di Campobasso. Laureato in lingua e letteratura inglese, è giornalista professionista dal 1954. Nel 2018 è passato dall’Ordine dei Giornalisti del Lazio a quello del Molise per terminare la carriera dove l’ha iniziata. Ha lavorato in vari quotidiani e periodici (Paese sera, Corriere lombardo, Ore 12, L’Europeo, Annabella, Gente, Radiocorriere). Inviato di politica estera per il GR3 della RAI, ha lavorato a Strasburgo come redattore parlamentare, a New York presso la Rai Corporation, nelle sezioni italiane della BBC a Londra e della Deutschland Funk a Colonia. Pubblicazioni: Il settimanale con Nello Ajello (Ediz. Accademia, Roma 1978); Facciamo un giornale (Edizioni Tuttoscuola, Roma 2001); Il Molise, che farne? (Ed. Cultura & Sport, Campobasso 1996); Post Scriptum, Prediche di un molisano inutile (Bene Comune Edizioni 2006), Gaetano Scardocchia, La vita e gli scritti di un grande giornalista (2008), Moliseskine (Bene Comune Edizioni, 2016). Per le stesse Edizioni è in corso di pubblicazione Fare un giornale, diventare giornalisti, Manuale di giornalismo per studenti, insegnanti e apprendisti comunicatori.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password