Larino. Habemus “Giuntam”!

Il 7 luglio scorso, il Sindaco di Larino, Giuseppe Puchetti, con una nota comunicava il ritiro delle deleghe a tutti gli assessori in carica. Un comunicato generico, senza particolari motivazioni, che parlava di rilancio dell’Amministrazione e verifica politica. Oggi, finalmente, il primo cittadino ha emanato il Decreto Sindacale con cui ha nominato i nuovi assessori.

La cittadina frentana si è svegliata questa mattina con la sua nuova Giunta, quella che, almeno da quanto si può interpretare dalle motivazioni del Sindaco relative all’azzeramento, dovrebbe portare una ventata di freschezza, novità e, con uno spirito di gruppo rinnovato e improntato su un rapporto fiduciario rinsaldato, rilanciare, con “maggiori competenze”, un’azione amministrativa, che però fino ala fine di giugno sembrava andare a gonfie vele. Ma il vento, si sa, può cambiare all’improvviso, spingere verso altre rotte e allora le cose mutano, proprio come mutano gli obiettivi da raggiungere.

Nella giornata di ieri, Antonio Vesce aveva rassegnato le dimissioni da Presidente del Consiglio Comunale e questo già faceva presagire qualcosa di importante a livello di incarichi e, in effetti, sarà il nuovo Vice Sindaco al posto di Maria Giovanna Civitella. Una cosa un po’ strana, visto che proprio Vesce, due anni fa, pur essendo il primo eletto della lista, aveva rinunciato al ruolo oggi abbracciato. Durante il primo Consiglio Comunale aveva giustificato la sua rinuncia con il molto lavoro dovuto al suo impegno di dirigente scolastico, che, però, tuttora svolge. Tra l’altro, si occuperà anche di Istruzione e Sisma. Giuseppe Bonomolo, invece, ha resistito alla tempesta, conservando le precedenti deleghe ai Lavori Pubblici, Programmazione, Sport e Tempo Libero; quest’ultima delega veramente meritata, visto il suo passato da grande sportivo, soprattutto nel tennis. Maria Giovanna Civitella si occuperà, invece, di Attività Produttive, Cultura, deleghe che aveva già precedentemente come Vice Sindaco, e Pari opportunità. E arriviamo alla new entry Angela Vitiello, che ha assorbito le deleghe dei due uscenti Alice Vitiello e Nicola Giardino, cioè Politiche sociali, Trasporti, Urbanistica e Ambiente. Ambiti molto ambìti, per usare un gioco di parole, ma anche tra i più rognosi e complicati. Ora, mentre ci si aspettava l’uscita di Alice Vitiello, in virtù della famosa mozione ad opera della minoranza, la vera sorpresa è stata la mancata riconferma di Nicola Giardino. Ci si interroga sulle reali motivazioni di questa scelta da parte del Sindaco. Voci di corridoio raccontano di una scelta fatta sulla base dei voti riportati durante le elezioni, ma sembra strano… Invece, sempre alla luce delle suddette motivazioni per l’azzeramento, allora, l’ex Assessore Giardino non ha ad un certo punto più garantito il rapporto fiduciario e l’efficienza del proprio operato? Una domanda lecita per comprendere meglio. Per quanto riguarda la sostituzione del Presidente del Consiglio, c’è il nome ma non l’ufficialità, forse per creare quell’alone di mistero che precederà il primo Consiglio utile.

Dunque, questa nuova squadra, capitanata da un Sindaco rigenerato nelle idee, dovrebbe condurre la nave verso orizzonti ben più proficui e regalare, in virtù delle rigenerate forze accompagnate da competenze più “specifiche” nei vari ambiti, una nuova era politica alla cittadina frentana. Qualcuno ha già detto che “brucerà il mondo”. Speriamo solo in senso figurato. Auguri a tutti, soprattutto ai cittadini frentani, con la speranza che in questo movimentato cha-cha-cha di passi avanti e indietro, si sia trovata la soluzione migliore per il bene comune.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password