Effetto Abruzzo/Si riapre la speranza, ma alla sinistra serve un Legnini molisano

nell'articoloI cugini abruzzesi hanno inferto una brutta pugnalata ai 5 Stelle e impartito una bella lezione alla sinistra. Che effetto avranno sulla politica molisana? Anzi: avranno un effetto? È quello che vedremo nelle prossime settimane, alla vigilia di elezioni europee mai tanto decisive per il futuro dei nostri giovani.

La Lega – Guidata da personaggi di basso (talvolta imbarazzante) profilo, tace furbamente, campa di traini esterni e intanto imbarca sul Carroccio i soliti soccorritori di vincitori.

Movimento 5 stelle – Tramortiti dallo shock abruzzese sembrano in confusione. Finora bocche chiuse sulla stampa molisana, nessuna notizia di dibattiti interni o su piattaforma. La loro nota venerazione per Di Maio rimane intatta, ma affiorano mal di pancia per il redivivo Dibba che coinvolge Giggino in avventurismi francesi e venezuelani. Intanto possono solo sperare che, grazie al reddito di cittadinanza, la stella di Salvini non brilli sul cielo molisano come su quello abruzzese.

Sinistra e dintorni – L’effetto Abruzzo, con lo stop all’emorragia di voti ha rincuorato e perfino elettrizzato coloro che si richiamano in qualche modo al variegato mondo antico della sinistra molisana. Anche qui però regna silenzio e circospezione. Nessuno azzarda una prima mossa sulla strada da seguire. Ma dopo l’exploit abruzzese, i nostalgici del paradiso perduto e della distinzione tra destra e sinistra, si pongono una domanda di fondo: riusciranno i fratelli coltelli della sinistra a trovare una comune linea di difesa contro la barbarie sovranista? Riusciranno a capire la lezione abruzzese e dunque a inventarsi un “Modello Legnini” molisano per dar vita a una larga coalizione di movimenti civici, ambientalisti e quant’altro? Come ha detto la senatrice abruzzese Pezzopane «ha vinto la destra, ma si riapre la speranza».

Giuseppe Tabasso176 Posts

(Campobasso 1926) ha un nipotino, due figli e una moglie bojanese, sempre la stessa dal 1955. Da pianista dilettante formò una band con Fred Bongusto. A suo padre Lino, musicista, è dedicata una strada di Campobasso. Laureato in lingua e letteratura inglese, è giornalista professionista dal 1954. Nel 2018 è passato dall’Ordine dei Giornalisti del Lazio a quello del Molise per terminare la carriera dove l’ha iniziata. Ha lavorato in vari quotidiani e periodici (Paese sera, Corriere lombardo, Ore 12, L’Europeo, Annabella, Gente, Radiocorriere). Inviato di politica estera per il GR3 della RAI, ha lavorato a Strasburgo come redattore parlamentare, a New York presso la Rai Corporation, nelle sezioni italiane della BBC a Londra e della Deutschland Funk a Colonia. Pubblicazioni: Il settimanale con Nello Ajello (Ediz. Accademia, Roma 1978); Facciamo un giornale (Edizioni Tuttoscuola, Roma 2001); Il Molise, che farne? (Ed. Cultura & Sport, Campobasso 1996); Post Scriptum, Prediche di un molisano inutile (Bene Comune Edizioni 2006), Gaetano Scardocchia, La vita e gli scritti di un grande giornalista (2008), Moliseskine (Bene Comune Edizioni, 2016). Per le stesse Edizioni è in corso di pubblicazione Fare un giornale, diventare giornalisti, Manuale di giornalismo per studenti, insegnanti e apprendisti comunicatori.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password