Ri-dopo voto/Se Gravina fa una serenata a Battista

gravina

testata sblog tabassoSabato mattina il capo del Carroccio, nonché Ministro degli Esterni, Matteo Salvini ridiscende in Molise (ex Terronia) per rimediare, bel tempo sperando, al flop del suo primo intervento elettorale nel Capoluogo per affidare al cuore immacolato di Maria (Domenica D’Alessandro) le sorti della Città di Campobasso, come da supplica del suo storico discorso della Madunina.

Vedremo se l’uomo che spezzerà le reni all’Europa, lo farà ricorrendo al famoso Rosario esibito come  facevano una volta quelli si appendevano un corno al collo tipo scaccia-malocchio. Non si sa. Però dalla fantasia dello staff-comunicazione di Salvini ci si può aspettare di tutto. Non dimentichiamo inoltre che l’ancora per poco Vice-Premier salirà sul palco in quella stessa Piazza Prefettura dove ogni anno i campobassani rievocano la storica lotta tra i rossi Crociati e i celesti Trinitari.

E allora, fantasia per fantasia, perché non immaginare che sabato mattina, ai bordi della più simbolica e istituzionale piazza campobassana, protetti da Vigili Urbani anziché da poliziotti, si presentino insieme con le loro rispettive insegne i Crociati PD e i Trinitari 5S finalmente uniti per impedire che Palazzo San Giorgio sia espugnato dall’armata brancaleghista?

Del resto, come afferma bellicosamente lo stesso Andrea Greco, i leghisti sono gli avversari numero uno dei pentastellati. Dunque, caro Gravina, questa notte recati con chitarra e ramo d’ulivo sotto il portone di Palazzo San Giorgio dove Battista si sta impacchettando gli scatoloni, e fargli un’amorosa serenata. Vedrai che lui, prima farà finta di non sentire, ma poi scenderà di corsa ad aprirti il portone.

Giuseppe Tabasso100 Posts

Nato a Campobasso nel 1926, laurea in lingua e letteratura inglese, ha iniziato la carriera giornalistica in vari periodici (Gente, L’Europeo, Radiocorriere). Inviato speciale di politica estera al GR3 della Rai, ha seguito dal 1976 i massimi eventi internazionali e 13 viaggi di Giovanni Paolo II all’estero. Ha lavorato a Strasburgo come redattore parlamentare, a New York presso la Rai Corporation, a Londra e a Colonia per le sezioni italiane della BBC e della Detuschland Funk. Pubblicazioni: Il settimanale con Nello Ajello (Ediz. Accademia, Roma 1978); Facciamo un giornale, Manuale di giornalismo per studenti, insegnanti e apprendisti comunicatori (Edizioni Tuttoscuola, Roma 2001); Il Molise, che farne? (Ed. Cultura & Sport, Campobasso 1996); per le Edizioni Il Bene Comune: Post Scriptum. Prediche di un molisano inutile (2006); Gaetano Scardocchia, La vita e gli scritti di un grande giornalista (2008), Molise, anno zero (2009) e Moliseskine (2016); per l’Editrice Filopoli, Mol(is)eskine (2013); Gli Esuli. Tra il mito di Abramo e di Ulisse (in Campobasso capoluogo del Molise, Vol. III, Palladino Editore). Ha diretto con Tarquinio Maiorino il mensile Molise (1992/3).

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password