Drums Limited, Jazz a Campobasso

di Francesco Montano, fotografie di Michele Montano

Ieri sera, venerdì 21 dicembre il teatro Savoia a Campobasso è stato onorato dal concerto ‘Drums Limited’.
Questo progetto nasce da un’idea maturata durante gli anni di esperienza musicale Newyorkese del batterista Luca Santaniello. Esposto agli stimoli di una scena internazionale in continuo ricambio, e avendo collaborato con musicisti leader nell’innovazione del jazz contemporaneo come Joe Lovano e George Garzone, pionieri nell’uso della doppia ritmica nelle proprie band, Luca trova nel suo ultimo progetto l’ispirazione giusta per poter cercare in Greg Hutchinson il batterista perfetto da affiancare in questo viaggio alla scoperta di un suono della band arricchito di più strati ritmici e possibilità nella tessitura dei colori e dell’interazione.

nell'articolo spazi iniziale

Concepito da una idea manifestatasi per gioco dopo una lunga session di studio congiunto fra Luca e Greg, oggi il progetto si realizza con l’aggiunta di musicisti eccellenti della scena Italiana ed internazionale come Joesph Lepore al contrabasso, Andrea Rea al piano e Emanuele Cisi al sassofono tenore. Sono queste le personalità musicali che rendono possibile un progetto estremamente audace e allo stesso tempo affascinante e divertente.

È nell’interazione di cinque personalità musicali mature e sensibili che è possibile l’alternarsi delle due sezioni ritmiche, basso e batteria, e del fondersi allo stesso tempo senza mai risultare eccessivamente presenti, così sapendo dare rilevante importanza agli spazi, alle pause e ai momenti solistici di ognuno. Nelle infinite possibilità di repertorio la scelta si focalizza su “standard” del jazz di compositori come Wayne Shorter, Roland Kirk, John Scofield, Pino Daniele, come anche di brani originali di Luca Santaniello.

nell'articolo Santariello

Luca Santaniello


Residente a New York City dal 2001 Luca Santaniello è il rappresentante di rilievo negli Stati Uniti tra i jazzisti italiani della sua generazione. Ha condiviso il palco con pilastri della storia del jazz classico e contemporaneo come Ron Carter, Joe Lovano, Lee Kontiz, Benny Golson, Roy Hargrove, Joe Locke, Billy Harper, Peter Bernstein. Nel 2012 Luca riceve il premio UNESCO come Molisano Insigne all’Estero dall’associazione dei Castelli della sezione Molise presso il palazzo Gagliardi di Casalciprano. Laureatosi presso il conservatorio “L. Perosi” di Campobasso ed in seguito presso la prestigiosa Juilliard School di New York, dove è stato il primo Italiano ad essere entrato nel corso post master di jazz, continua la sua attività concertistica ed educativa attraverso tours e master classes in festival internazionali in Sud America, Nord America ed Europa.

nell'articolo hucinso



Gregory Hutchinson


Nato nel giugno 1970 a Brooklyn, New York, Hutchinson fin da piccolo è stato ispirato musicalmente da entrambi i genitori. Ascoltando artisti che spaziano dal jazz, al soul al funk, Hutchinson ha sviluppato la sua concezione musicale iniziale. “Tra le mie influenze principali è ‘Philly’ Joe Jones,” ammette, “perché ha incorporato tutti gli elementi della sua vita nella sua musica. Era molto, molto elegante.” Un’altra sua fonte d’ispirazione è Charlie Parker. Che la batteria canti, questo è il desiderio e l’obiettivo di Greg Hutchinson, così come cantava il sassofono di Charlie Parker. Fin dal suo debutto professionale come turnista teen ager per il trombettista Red Rodney, Greg Hutchinson è stato un’eloquente testimonianza di come i giovani debbano dire la loro. Dagli esordi con Betty Carter e Joe Henderson, passando attraverso il quintetto di Roy Hargrove e il qurtetto di Joshua Redman, Greg continua ad essere il batterista jazz più richiesto e attivo sulla scena internazionale.

nell'articolo lepore



Joseph Lepore

Newyorkese di nascita ed italiano di adozione, si è trasferito nel 1995 a Roma, suonando con i migliori musicisti italiani e americani in tour Europei. Nel ’97 entra nella band del sassofonista Italiano Rosario Giuliani e con lui intraprende un’intensa attività concertistica in tutta Europa che lo porta ad essere fra i contrabbassisti italiani più richiesti sulla scena europea. Vive a New York dal 2000.  Ha registrato e suona con Greg Osby, Roberto Gatto, Joe Lovano, Mark Turner, Peter Bernstein, Aaron Goldberg, James Spaulding, Lenny White. Il suo album d’esordio “Journal” è uscito a luglio del 2010 per l’etichetta Inner Circle Music, ricevendo recensioni dai più importanti jazz magazine come Down Beat USA, Musica Jazz Italia, Jazz Man France.

nell'articolo cisi

Emanuele Cisi


Nato a Torino nel 1964, Emanuele Cisi è oggi uno dei sassofonisti più apprezzati sulla scena jazz internazionale. Un suono personale e ricercato, un approccio energico, uniti a una profonda conoscenza della tradizione e a uno spiccato senso della melodia e dello swing, sono i tratti salienti del suo stile. Nelle sue collaborazioni vi sono musicisti del calibro di Sting, Clark Terry, Ron Carter, Jimmy Cobb, Billy Cobham, Albert “Tootie” Heat, Jimmy Owens, Billy Hart, Joey Calderazzo, Joe Chambers, Nat Adderley, Daniel Humair, Kenny Wheeler, Enrico Pieranunzi, Enrico Rava, Paolo Fresu. Docente della cattedra di sassofono Jazz a Cagliari e Torino, Emanuele Cisi è un importante punto di riferimento in Italia anche per le sue collaborazioni fra il Conservatorio “G. Verdi” di Torino e la prestigiosa Juilliard School di New York.

nell'articolo rea


Andrea Rea


Pianista di Pomigliano d’Arco, inizia lo studio del pianoforte all’età di 9 anni con il M° Dino Massa tramite il quale coltiverà la passione per la musica jazz. Successivamente studia armonia con Gianluigi Goglia e musica classica col M° Armando Desidery. Nel 2007 è il vincitore del prestigioso premio internazionale “Massimo Urbani”. Nel 2015 partecipa al tour “La musica Provata” con Erri De Luca e Stefano di Battista toccando diversi teatri italiani. Nello stesso anno registra per l’etichetta Tosky records il disco “never fault behind scenes” del sassofonista Gianluca Lusi con Reuben Rogers e Greg Hutchinson. Il suo talento e la sua ecletticità lo portano alla ribalta sulla scena internazionale al fianco di legende del jazz come Diane Reeves, Ray Mantilla, Shawn Monteiro, Joe Lovano, Jerry Weldon.

nell'articolo finale

Per informazioni sulla stagione concertistica organizzata dall’Associazione Amici della Musica Walter De Angelis scrivere a info@amicidellamusicacb.it | amicidellamusicacb@libero.it o consultare il sito dell’Associazione www.amicidellamusicacb.it o la pagina Facebook.

Francesco Montano40 Posts

Nato a Campobasso nel 1984, laurea in Antropologia Culturale alla Sapienza. Collaboratore presso la rivista: Il Bene Comune arte cultura e civiltà per il terzo millennio. Mensile di approfondimento culturale e casa editrice dal 2015 Ricerche a Lima, Roma e Campobasso Pubblicazione relativa alla ricerca a Roma Dal progetto nazionale: Ricerca per la prevenzione e lo studio dei fenomeni di aggressività e bullismo: “la visione dei mondi nell’infanzia: rappresentazioni sociali bambine correlate alla costruzione della salute”; dal titolo: Narrazioni dall’infanzia su salute, corpo e amicizia. Ricerche etnografiche in tre scuole romane. Progetto realizzato grazie al contributo economico dell’istituto Montecelio, agenzia regionale per la comunicazione e la formazione; publicato a Roma nel 2009. Presentazione relativa alla ricerca a Lima Progetto “Ananias: lotta all’abbandono scolastico mediante un programma di diagnosi e rieducazione per bambini/e con problemi di apprendimento”, realizzato dal CIES, in collaborazione con l’associazione peruviana Amigos de Villa, dipartimento di storia, culture, religioni – università degli studi di Roma “La Sapienza” e cofinanziato dal ministero Affari Esteri – DGCS e dalla regione Lazio. Roma 2012.

0 Comments

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password